Marcella Manni

“Credo sia necessario, per riuscire a creare un dialogo tra il pubblico, cioè il fruitore e l’opera, un grande lavoro di divulgazione, ma nel senso positivo del termine, che non vuol dire un abbassamento dell’asticella quando si parla di contenuti, ma si tratta di fare capire, far conoscere, insegnare a leggere un’opera d’arte.” 

Marcella Manni è laureata in Filosofia all’Università di Bologna, si perfeziona in diritto dei beni culturali sempre all’Università di Bologna e poi in gestione museale alla Luiss Business School di Roma. Dal 1999 al 2002 lavora presso la galleria d’Arte Moderna di Bologna, occupandosi dell’organizzazione di mostre prima e in seguito dell’ufficio stampa e comunicazione. Dal 2002 al 2005 è responsabile dell’ufficio comunicazione del MAR di Ravenna seguendo il progetto di identità visiva e la comunicazione delle mostre, dal 2005 al 2008 lavora come editor per la casa editrice Damiani di Bologna seguendo lo sviluppo del catalogo editoriale. Dal 2009 cura le attività di Metronom tra progetti gestiti in autonomia e in collaborazione, promuovendo ricerche artistiche contemporanee con una particolare attenzione agli autori di generazione più giovane. Con Metronom ha avviato nel 2015 il progetto LIVEstudio, residenza d’artista e nel 2013 Generazione critica, un convegno annuale dedicato alla critica d’arte. Parallelamente all’attività di Metronom collabora con enti pubblici e privati per progetti di visual literarcy.

[^]